La battaglia per l’acqua di San Bartolo Ameyalco

La valle centrale del Messico era (e in c’entra maniera disgustosa, è) un’area ricca di acque. È circondata da molte montagne e aveva molti fiumi che rifornivano il lago che ricopriva la parte bassa della valle. Non per nulla Tenochtitlan era una città che viveva sull’acqua. La pessima gestione idrica e architettonica degli spagnoli ha portato alla creazione di una città in costante pericolo di inondazione. Pensate che nel XVII secolo (1629) la città ha sofferto un’inondazione che durò 5 anni! Questo perché l’acqua cercava di tornare nel suo luogo originario. Riempire un lago obbliga l’acqua a ricoprire i posti dove prima ci stava tranquillamente. Con la crescita della città fra fine ‘800 e inizio ‘900 sono partite delle opere idriche monumenti e stupefacenti ma tristemente non si stava calcolando un fattore importante: la città sta affondando, e non tutta insieme, ma con ritmi differenti. Perciò alcuni quartieri affondano più veloci di altri. La canalizzazione divenne presto inutile. Altro piano fu interrare i corsi dei fiumi. Questi stessi fiumi soffrirono una trasformazione importante perché ormai erano corsi per le acque reflue. Così, fiumi antichi vennero coperti, altri vennero svuotati, e il Viaducto si trasformò in un’arteria viale. 

Con l’esplosione urbana, il bisogno di acqua divenne micidiale, e in questa città si vedono sempre pipas (autocisterne) andare da un lato all’altro. Quando si ferma in un quartiere, la gente fa la fila per ritirare la propria parte di acqua, in boccioni di plastica. I centri commerciali, sempre più frequenti, aggravano la situazione perché ne sprecano una quantità enorme. Così, si sono sviluppate delle battaglie per l’acqua, di cui posso testimoniarne almeno una a cui ho assistito.

Vivo vicino a un pueblo che si chiama San Bartolo Ameyalco. È un villaggio bien chingon, che meriterà un articolo a parte. In questo villaggio alle porte della città, c’è un manantial, una sorgente di acqua, di cui il paese andava orgoglioso. Effettivamente, il suo nome nahuatl deriva da Cuautla (bosco) y Ameyalli (fonte). Quindi, sorgente del bosco. Con l’espansione del centro commerciale di Santa Fe nel 2013, è aumentata anche l’esigenza idrica. Niente di più comodo, andiamo a prenderlo al paesino che è qui vicino. Il delegato Luna (presidente del quartiere della capitale) approvò il progetto. La notizia non venne pubblicata, e gli scavatori arrivarono quatti quatti, cercando di non emozionare troppo la gente. Non si sa come, ma la notizia si sparse. All’arrivo dei mezzi pesanti, la popolazione li stava già aspettando. Il governo rispose mandando vari furgoni dell’esercito, con soldati preparati antisommossa. Gli autoctoni presero i machete. No, non è un film di Tarantino. Si sviluppò presto una battaglia, e io ascoltavo solo il brusio, e l’andirivieni di elicotteri. Poi non seppi più nulla. 
Svariati mesi dopo, stavo parlando con il checador che conosco. Il checador è un ragazzo o un signore che controlla il passaggio degli autobus (checa) e grida quanti minuti ci sono fra un bus e l’altro. Vive delle mance che gli autisti gli danno o più volte gli lanciano poco gentilmente. Il ragazzo mi dice che è di San Bartolo e ne approfitto per chiedergli la situazione. Mi dice che la polizia ha preso cinque giovani e li ha messi in carcere, e che li avrebbe liberati se per sei mesi il paese non avesse avuto altre “risposte violente” all’appropriazione dell’acqua. I sei mesi erano terminati in maggio, ma dei ragazzi neanche l’ombra. 
Poco dopo, quando ho potuto parlargli un’altra volta, mi ha confermato che i giovani erano stati liberati. Forse la minaccia si stava trasformando in una nuova causa di sommovimento violento. 

Ecco, episodi del genere sono sicuro si ripetano in tutta la repubblica, quando l’iniziativa commerciale e capitalista spoglia i villaggi delle proprie risorse, e con la crisi idrica che sta per arrivare, la situazione può solo peggiorare. 
Se volete altre informazioni: http://www.proceso.com.mx/397706/san-bartolo-ameyalco-sin-agua-ni-justicia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Civiltà, La mia avventura e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a La battaglia per l’acqua di San Bartolo Ameyalco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...