Green Wall. El muro verde, güeeeeey.

I martedì tornando a casa devo sempre passare per un semaforo trafficatissimo e in ora di punta. Questo fa sì che le macchine avanzino solo di 20 metri ogni volta che diventa verde e in ogni caso lo fanno suonando il clacson e quasi spingendo la macchina davanti. Decine di venditori ambulanti ronzano fra i veicoli, e quasi sempre incontrano clienti. Questa immobilità obbligatoria mi ha fatto rendere conto che alla mia sinistra c’era una struttura stranissima. Per gli entusiasti dell’architettura moderna, ho letto che Città del Messico è un paradiso, un campo libero per sperimentare e per creare il-mai-prima-visto. Per i profani (per me), questo significa solo che il governo della città permette e finanzia anche delle cagate mastodontiche. Enormi, orribili mucchi di cemento e forme strane con materiale “nuovo”, plastica e ferro accostati, qualche elemento vegetale, mostruosità edilizie. Un pugno nell’occhio, all’insegna del tentativo inutile e ridicolo di modernità. Madonna, mi sento quasi uno Sgarbi. 

Ma vabbè, torniamo al discorso. Quello che mi trovo ogni settimana alla mia sinistra sembrava l’ennesima cagata lautamente finanziata, invece no. Era qualcosa di differente e vedendo la strana forma di cestelli di plastica che ricopriva tutta la superficie, ho capito che l’utilizzo non era estetico. Era un “muro verde”, o quello che sarebbe diventato tale in qualche mese. Il progetto si chiama per precisione Green Wall. Está en inglés güey, está bien chulo. Que padre.

Per ridurre l’inquinamento, stanno comparendo per la città queste strutture molto grandi, cosparse di “vasetti” di plastica. Da lì spunteranno dei rampicanti e delle piantine, e l’intera struttura diventerà viva. Un esempio di questo si può già vedere in pochi spazi, ma l’iniziativa finora era privata e a fini estetici, ora sarà iniziativa ecologica e pubblica. Effettivamente, tutte queste piantine permetteranno un miglioramento dell’aria soprattutto nelle zone più trafficate. Da quel che ho capito anche tutte le colonne che mantengono il periferico saranno colpite da questa iniziativa. 


Vi immaginate! State facendo periferico e ogni dieci metri avere una colonna degna di una foresta tropicale! Bellissima. C’è però un problemone. L’acqua. La città ha già gravissimi problemi di sprechi d’acqua, tubature quasi sempre che perdono, ettolitri e ettolitri di prezioso liquido che vengo buttati e diventano utilissimo fango. Vi immaginate quando ogni colonna dovrà essere essere mantenuta viva? Riusciranno a usare con criterio l’acqua o finirà tutta in comodi laghetti lungo la superstrada? Speriamo bene!

Annunci

Informazioni su merkaura

Sono un ragazzo dell’85 della campagna vicentina che la vita ha catapultato in una metropoli antropofaga. Ho una laurea in Storia e una laurea Magistrale in Scienze delle Religioni. Mi guadagno da vivere a Città del Messico dando lezioni di italiano, francese e spagnolo a messicani e stranieri che abitano in Messico, per scuole, imprese o privati. Vivo in una casa in collina, tranquilla e circondata da un bosco miracolosamente salvatosi dall’espansione cittadina. Sono sposato con una messicana e abbiamo due cani a cui parlo in dialetto. Amo mangiare, bere, viaggiare, leggere, scrivere, infatti da quasi 3 anni amministro un blog in cui scrivo ogni settimana descrivendo questo paese, https://messicando.wordpress.com/. Odio le attività adrenaliniche, guidare e non mi interessa lo sport in generale. Unica eccezione delle lunghissime camminate, di 5 o 6 ore in ambiente urbano o in campagna. Sono una persona timida ma quando do lezioni indosso una maschera spigliata e molto più divertente. Se avete bisogno di informazioni su questo paese o volete spettegolare un po’, scrivetemi pure!
Questa voce è stata pubblicata in La mia avventura, Luoghi unici e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Green Wall. El muro verde, güeeeeey.

  1. consuelomurgia ha detto:

    Ma a lungo andare, le piante, con le loro radici e l’umidità che trattengono, non rischierebbero di danneggiare i piloni di cemento?

    Mi piace

  2. millaboschi ha detto:

    GRAZIE!!! mi è sembrato di essere tornata al semaforo in Mexico, grazie del ricordo ritrovato!!! i muri verdi sono una straordinaria cagata. Cioè, sono bellissimi nel progetto, ma hanno una difficoltà di manutenzione che si manifesta insuperabile nella maggior parte dei casi. L’acqua e l’invecchiamento precoce delle piante sono i problemi più gravi. A mio modesto parere le latte piene di piante che ho visto nei cortili messicani sono più funzionali. E’ realistico pensare che sarà fatta una manutenzione settimane per questi impianti? C’è un modo non inquinante per lo smaltimento di tutta quella plastica? A Milano, Parigi, e molte altre città europee questi progetti sono stati sviluppati per recuperare quartieri tristi (o apparire) ma hanno un costo esageratissimo rispetto all’ossigeno prodotto. Aspetto notizie, ciao ciao

    Mi piace

  3. Michele ha detto:

    Ho visto dal vivo la costruzione nella prima foto, solo alcuni giorni fa…secondo me e’ molto bella. Sembra sia stato li’ mesi, invece sono stato solo alcune settimane 🙂

    Non lo so’ ancora se la citta’ mi piace oppure no, e’ assurdo quante contraddizioni ci siano.
    Edifici bellissimi accanto a case fatiscenti. C’e la voglia di cambiare e di migliorarsi, senza dubbio.
    Ma la cultura messicana e’ il grande freno, secondo me.

    Ho fatto un colloquio in quelle due settimane, con una banca quindi non con OXXO.
    Ho trovato tutto il processo di recrutamento molto informale e ahime poco professionale.
    Ne ho fatti alcuni di colloquio, quindi non sono alla prima esperienza. Ho sentito che la gente cambia lavoro in 4-5 giorni senza dare preavviso…A me hanno offerto un contratto di 30 giorni !!!
    Il responsabile HR mi ha parlato nel corridoio… volevano inizziassi in 4-5 giorni!!!

    Da una grande banca(forse cosi’ grande non e’), mi aspettavo una pianificazione, un contratto ..un progetto a lungo termine.

    Non so’, tutto cio’ mi sembra poco professionale.

    Sono andato a trovare un mio amico che e’ un direttore, con un ufficio pazzesco in un grattacielo bellissimo. Mi parlava di quanto sia’ importante apparire, quanto sia importante vestirsi bene per avere successo in questa citta’.
    Quindi ripenso al direttore HR che mi ha offerto un contratto di 30 giorni?! forse non ero vestito bene…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...