Puebla de los angeles

Questa settimana ho avuto l’opportunità di visitare Puebla, capitale dell’omonimo Stato, e conosciuta anticamente col nome di Puebla de los Angeles o Heroica Puebla de Zaragoza, per il suo passato importante per la Patria.

È una città coloniale nel senso più puro del termine, fondata dagli spagnoli in una zona piana, circondata da vulcani, tra cui il Popocatepetl, geograficamente ha una posizione bellissima.

thumbnail_20161228_112603

Non avendo insediamente indigeni precedenti, la città venne pianificata a tavolino, con una griglia in stile romano. Gli assi centrali dividono le strade in Oriente e Poniente, Nord e Sud. Da un alto le strade sono tutte pari, dall’altra sono dispari. Sembra complicato, in realtà rende tutto semplicissimo, e uno si crea una mappa mentale molto rapidamente.

Come tutte le altre città messicane, potrete incontare degli elementi fondamentali e ripetitivi, Il “Zocalo” locale, cioè la piazza principale, una piccola zona di parco di fronte, i venditori ambulanti che ripropongono il cibo tipico della strada, palanquetas, chapulines, alcuni suonatori, la cattedrale. Effettivamente, la cattedrale potrebbe darvi un senso di dejavu ancora più forte…e a ragione. Quando si stava per costruire la cattedrale di Città del Messico, furono inviati dalla Spagna dei piani di costruzione per il nuovo edificio. Il progetto piacque tanto che il progetto si utilizzò anche per costruire una cattedrale a Puebla…e un’altra in Perù! Tre chiese gemelle, differenti solo per le dimensioni.

15727209_1664977203527740_4121951066285989393_n

La città è molto, molto bella. Si percorre facilmente a piedi, è davvero un piacere gironzolare vedendo ogni angolo uguale eppure diffenete. Io ho avuto la fortuna di avere come guida un amico che ci vive e quindi la conosce come il palmo della sua mano.

Se volete cagarvi addosso c’è pure una ruota panoramica molto grande. A vostra scelta!

15698091_1664977703527690_3584636211722230094_n

La crescita di Puebla è stata provocata dalla sua posizione fortunata (per prima causa), dai suoi abitanti influenti (per seconda) e per la sua storia Repubblicana (per terza). Veracruz è il porto che collegava il Messico con la Spagna. Città del Messico è la capitale. Peccato che per passare da Veracruz alla capitale ci volevano più di 400 km di cammino, fra valli e montagne. Una chinga, come dicono qui. Puebla si trova a 2/3 del cammino fra le due città, quindi era una tappa fondamentale di andata e di ritorno. Una pausa in una citta al 100% spagnola. Il nome originale, Puebla de los angeles, si è lentamente ridotto per comodità al solo “Puebla”. Curiosità: anche Los Angeles, negli Stati Uniti, ha un nome più grande, che è Pueblo de Nuestra Señora de los Ángeles del Rio de la Porciúncula.

Come dicevo, un’altra parte importante di Puebla, sono i Poblani. Juan de Palafox y Mendoza, vescovo di Puebla nel 1600, regalò alla città una biblioteca immensa e di grande valore storico, oggi si conosce come Biblioteca Palafoxiana.

15727120_1667221396636654_5817137368157614137_n

Gli ordini monastici, francescani e domenicani, e i potenti ecclesiastici crearono chiese barocche  incredibili, la più bella è sicuramente la Cappella del Rosario, dentro la chiesa di Santo Domingo.

unnamed

Ultima fonte di Grandezza, la stessa Storia. Puebla ha dato origine ad episodi centrali della vita di questo paese, basti pensare alla battaglia di Puebla, durante la cosiddetta Intervencion francesa, o il martirio dei fratelli Serdan, di cui il più famoso è sicuramente Aquiles. Di questo dovrò parlare in un articolo a parte, come dovrò parlare in maniera indipendente di altre cose che rendono indispensabile una visita a Puebla, tipo il cibo, e i siti archeologici che la circondano!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Luoghi unici e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Puebla de los angeles

  1. Pingback: Razzismo alla messicana (2): insulti interstatali | Estoy Messicando!

  2. Pingback: El Popo, il vulcano | Estoy Messicando!

  3. Pingback: Cinco de mayo: perché, da stranieri, ci illudiamo che sia una festa? | Estoy Messicando!

  4. Pingback: La “Intervención francesa”  | Estoy Messicando!

  5. Michele ha detto:

    Io vedo queste foto, con un cielo bellissimo, senza nuvole…che invidia 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...