Virali alla meta: i 15 anni di Ruby e Lady Wuuu

Due fenomeni virali messicani sono stati protagonisti di cronaca nelle ultime settimane, fino ad essere tradotti e pubblicati anche in alcuni giornali italiani. Cerco di aggiungere qualche informazione per chiarire agli italiani che magari hanno ascoltato qualcosa ma non ci hanno capito molto.
Il primo è la cosiddetta quinceañera di Ruby. Questa ragazza di La Joya, un villaggio di 200 anime nello stato di San Luis Potosí, stava organizzando la sua festa di 15 anni, festa di cui ho parlato in un precedente articolo (se siete dei principianti riguardo alla cultura messicana potete leggerlo prima di continuare questo discorso). Le feste in provincia sono sempre enormi perché coinvolgono tutto il paese, si parla di centinaia di invitati. Ma stavolta hanno fatto una cazzata. Hanno pubblicato l’invito, poi hanno creato un video., questo:

Con la frase fatidica, “quedan todos cordialmente invitados”.
Il video è stato caricato sulla pagina Facebook di uno studio fotografico, poi nella pagina di un’università. L’invito era aperto a tutti. Il padre si vantava di poter offrire una gran festa, con una corsa di cavalli clandestina e un premio di 10mila pesos (una capra) al vincitore. Bene, dopo che il video raggiunse YouTube e venne rinviato in differenti social network, i partecipanti sono cresciuti a dismisura fino a raggiungere 1,2 milioni. 


Un caso di pubblica sicurezza, con l’Estado preoccupato per la condizione dei visitanti. Una compagnia aerea offre sconti per chi arriverà con un volo per raggiungere la festa. Vari politici, cantanti e responsabili di compagnie di trasporto pubblico e privato hanno rinforzato questo tema, parlandone nelle proprie pagine ufficiali o regalando a Ruby e famiglia alcune vacanze e tour. Il padre prima ha cercato di limitare i danni, dicendo che si accetteranno solo familiari e conoscenti, poi ha fatto dietrofront e confermato che l’invito è aperto a tutti. La famiglia ha approfittato della situazione per guadagnarsi un quarto d’ora di celebrità e ora sono mezzi famosi. Il padre, da idiota che per errore ha trasformato la festa della figlia in una cagnara nazionale, si è trasformato in manager dell’evento. Alla faccia dello scemo. 
Il secondo fenomeno è quello che si chiama Lady Wuuu. Era una persona qualunque, un signore che era andato ad un concerto di un gruppo che si chiama Menudo, gruppo che stava facendo un tour dopo anni di interruzione artistica. La sua fortuna (???) è stata quella di venire intervistato prima del concerto. Alle domande dell’intervistatore, ha risposto varie volte con squilli femminili, chiaramente causati dall’entusiasmo. Vi lascio il video.

Poco dopo, sono sorti i primi meme, che ne ripetevano il suono in situazioni ridicole. Da qui, è diventato presto personaggio “pubblico”. 


L’impresa Chevrolet ha promesso che se si raccoglieva un milione di “mi piace” ad un loro video, avrebbero regalato a Lady Wuuu una macchina, e così è stato: la quota si è raggiunta in sole 24 ore. La televisione messicana ha anche cavalcato l’onda e durante un programma si è annunciato che Lady Wuuu sarebbe diventato padrino della quinceañera, Ruby. 


Queste “celebrità” danno un po’ tristezza, perché entrambi sono persone ingenue che si sono viste sparate nel mondo dei famosi e sono ancora storditi o manipolati. Tutti cercano di accaparrarsene una fetta. Sorvolando la nacada della ragazzina di 15 anni che ospiterà migliaia di scrocconi e perditempo, possiamo dedicare qualche secondo al signore, il fan dei Menudo? Già di per se’ è diventato famoso con un titolo insultante, quello di Lady, per la sua femminilità e per sembrare omosessuale negli atteggiamenti. Ora si sta vendendo, scegliendo di commercializzare la maschera che è costretto a portare per sempre, infatti si potrà “noleggiare” per rendere più lieti degli eventi pubblici. In ogni caso, fra qualche giorno vi scriverò l’aggiornamento riguardo alla festa, con l’eventuale conta dei feriti!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cucina e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...