Funiculì, funicolà…in Messico


La settimana scorsa una notizia ha sorpreso i social network in Messico: la realizzazione del mexicable, una funicolare che collega una collina di Ecatepec (nell’Estado de Mexico) con un posto più in basso dove poter prendere un bus. Questa costruzione dovrebbe facilitare la vita dei residenti di questa area estremamente pericolosa, accorciando i tempi di percorso per chi dovrà raggiungere la capitale. La notizia è sorprendente per alcuni punti.

Prima di tutto: il posto. Ecatepec è una città pericolosissima, che vanta il primato di furti a mano armata, stupri, omicidi, criminalità organizzata. Diciamo che nelle guide turistiche è un posto che viene segnalato apertamente come da evitare. Un investimento in questa area, potrebbe essere effettivamente un’opera umanitaria, spendere soldi per rialzare il livello di vita di persone che tutti i giorni rischiano i soldi o la vita (bueno, quando e se non sono loro stessi i ladri). La tratta costa 6 pesos e dura venti minuti.

Altra cosa sorprendente, il segreto. Quest’opera non era stata pubblicizzata prima. Ne ho parlato con vari studenti e risulta che per tutti la notizia del Mexicable è stata una completa sorpresa perché non è stato reso pubblico l’inizio e lo svolgimento dei lavori. Estremamente strano dato che le grandi opere qui come altrove sono un motivo di vanto dei governanti quindi in genere ricevono la massima attenzione, vengono spiegati e ci si vanta ancor prima di vederli completi (come il treno che collegherà Santa fe a Toluca). Mah.

Terza sorpresa, la costruzione è di matrice italiana, il mio amico Jacopo mi ha informato che l’azienda che l’ha realizzata è altoatesina e degna di rispetto. 

Quarta e ultima, la velocità con cui tutto è diventato chafa. A neanche una settimana dall’apertura, hanno ritirato i rotoloni di erba artificiale, che erano bien chafa ma almeno davano un tentativo di abbellimento. Il giorno dopo l’inaugurazione, una gondola si era incastrata e esiste un video con due tecnici che stanno cercando di sganciarla. Il venerdì, alcune persone sono rimaste sospese per aria per una mezz’ora, colpa di un problema al sistema elettrico. Insomma, ancora tutto è nuovo di zecca e già sta dando magagne. Temo che fra un po’ sospenderanno il servizio per qualche problema tecnico e poi non lo riapriranno. Speriamo di no! Intanto vi lascio alcuni meme, che come sempre si sono approfittati della notizia:


Annunci

Informazioni su merkaura

Sono un ragazzo dell’85 della campagna vicentina che la vita ha catapultato in una metropoli antropofaga. Ho una laurea in Storia e una laurea Magistrale in Scienze delle Religioni. Mi guadagno da vivere a Città del Messico dando lezioni di italiano, francese e spagnolo a messicani e stranieri che abitano in Messico, per scuole, imprese o privati. Vivo in una casa in collina, tranquilla e circondata da un bosco miracolosamente salvatosi dall’espansione cittadina. Sono sposato con una messicana e abbiamo due cani a cui parlo in dialetto. Amo mangiare, bere, viaggiare, leggere, scrivere, infatti da quasi 3 anni amministro un blog in cui scrivo ogni settimana descrivendo questo paese, https://messicando.wordpress.com/. Odio le attività adrenaliniche, guidare e non mi interessa lo sport in generale. Unica eccezione delle lunghissime camminate, di 5 o 6 ore in ambiente urbano o in campagna. Sono una persona timida ma quando do lezioni indosso una maschera spigliata e molto più divertente. Se avete bisogno di informazioni su questo paese o volete spettegolare un po’, scrivetemi pure!
Questa voce è stata pubblicata in Luoghi unici e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Funiculì, funicolà…in Messico

  1. Darío ha detto:

    Simpatica anche la notizia data da ELDEFORMA che avevano sospeso il servizio “porqué se habìan robado los cables” 😀

    Mi piace

    • consuelomurgia ha detto:

      Sapeste quante volte mi è toccato sentire (qui in Italia) che i treni erano in ritardo perché c’erano stati dei furti di cavi. Li rubano per rivendere il rame che contengono.

      Mi piace

      • Darío ha detto:

        Ma sì, certo, anche in Messico si rubano i cavi per rivendersi il rame, ma portarsi via i cavi della teleferica (svariati cm di diametro di acciaio) mi sembra un po’ improbabile. Non per niente la notizia l’ha data eldeforma.com 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...