Lord e Lady del piffero

Da un po’ di tempo, si vedono su internet vari “personaggi” nominati con titoli nobiliari inglesi di Lord e Lady. Questa forma popolare di rendere famose delle persone, è in realtà una gogna digitale, il metodo moderno di tirare merda contro qualcuno. Una sorta di giustizia di popolo, che infanga l’identità digitale (e spesso anche quella reale) di alcune persone che si sono dimostrate prepotenti, menefreghiste della legge, odiose. Al primo approccio, questo potrebbe sembrare un atteggiamento giusto, una sorta di vendetta personale che sfrutta al massimo le potenzialità dei social network. D’altra parte, si sta dando una popolarità e una visibilità a individui che meriterebbero solo di scomparire dalla vergogna. La prepotenza è una cosa che possiamo vedere tutti i giorni, la resistiamo o semplicemente la sopportiamo, storciamo la bocca e tiriamo avanti. Ma quando tiriamo fuori il cellulare e filmiamo l’atto, diventiamo giustizieri. O così crediamo.Vi voglio mostrare una rassegna dei Lord e Lady più ignoranti, cafoni e odiosi, probabilmente aggiornerò la lista con i “nuovi mostri” della quotidianità. 

Lady Basura: una signora che esce di casa e ne approfitta per buttare per strada un sacco di spazzatura. Filmata e avvisata da un passante, dimostra prima menefreghismo, poi disperazione. Viene portata via da una volante della polizia. 

Lady de la Roma: ubriaca mentre guida con un’amica, investe una signora e insulta i poliziotti che cercano di evitare che scappi dal luogo del delitto, minacciando di fargli perdere il lavoro perché lei ha contatti alti. Ora si trova in carcere perché la donna investita è morta pochi giorni dopo. Simile ma senza causare un morto, Lady Celaya.

Lord Ferrari e Lord Rolls Royce: molto simili. Guidano auto di lusso e ordinano alle proprie guardie del corpo di picchiare altre persone, colpevoli di infastidirli.

Lady Chile: un video mostra una signora che interroga una domestica, chiedendole di aprire la borsa. Una volta aperta, vede che ha preso dei chiles en nogada, un piatto tipico messicano, e comincia a sgridarla, per aver rubato cibo dalla casa. Il video viene pubblicato su YouTube con l’obbiettivo di esporre al pubblico ludibrio la colf, e con la dicitura ” Più conosco le persone, più amo il mio cane”. Il video esploderà in faccia alla stessa signora che pensava di essere giustiziera, trasformandola in Lady Chile.

Las ladies de Polanco: delle ragazze, tra cui una partecipante al Grande Fratello messicano, insultano e spintonano alcuni poliziotti che le avevano fermate, poi se ne vanno. Parte un’indagine che arriverà a colpire le ragazze e gli stessi poliziotti che non hanno compiuto il loro dovere. 

Lady Profeco: una ragazza arriva ad un ristorante di lusso e chiede una tavola. Le dicono che è tutto già occupato. Lei dice che “non sanno con chi si stanno mettendo”, perché è figlia del direttore della Profeco, l’organizzazione statale a difesa del consumatore. Poco dopo, si ordina la chiusura del ristorante. Esplode lo scandalo. Il direttore della Profeco perde il posto, il ristorante riapre. 

Lady 100 pesos: una ragazza viene fermata ubriaca alla guida. Cerca di corrompere i poliziotti con 100 pesos (5 euro) per lasciarla andare. Inutilmente. Il video diventa virale e la bella ragazza diventa una star, con tanto di firma di autografi. Non sto scherzando.

Lord Audi: invade la pista ciclabile e tampona una bicicletta. Fermato dalla polizia, comincia a insultare tutti e con atteggiamento strafottente, parlano delle solite parentele alte. Scappa passando sopra la bicicletta che era rimasta a terra. Le investigazioni successive incontreranno a casa sua una ecobici rubata, una delle biciclette che il governo mette a disposizione della popolazione con noleggio quasi gratuito. 

Lady Oxxo, Pemex… (la lista deve restare per forza aperta): Le più insulse e le meno criminali, semplici ragazze che hanno lasciato filtrare foto con l’uniforme del proprio lavoro dove sono più o meno nude e guadagnandosi qualche migliaio di like nelle reti sociali. 

Lady Contrato: un’amministratrice che chiede a un libro professionista dei disegni da sottoporre ai superiori, per poi avviare le pratiche di assunzione, necessarie al ragazzo che stava spendendo molto in cure mediche e aveva bisogno dell’iscrizione all’assicurazione sanitaria (tramite il contratto di lavoro). Ricevuti i disegni, la signora “se hace bien güey” e comincia a inventare scuse, poi smette di rispondere. Era tutta una frode per rubare le idee al giovane. 

Lady libros: in quel di Veracruz, la direttrice dell’associazione dei genitori di una scuola elementare entra in una classe dove si sta svolgendo la lezione. Dice che i genitori di alcuni bambini non hanno pagato la quota volontaria (VOLONTARIA) di iscrizione all’associazione. Detto questo, sequestra i libri gratuiti ai figli di questi genitori. Il professore si lamenta ma non riesce a impedire questo abuso. 

Annunci

Informazioni su merkaura

Sono un ragazzo dell’85 della campagna vicentina che la vita ha catapultato in una metropoli antropofaga. Ho una laurea in Storia e una laurea Magistrale in Scienze delle Religioni. Mi guadagno da vivere a Città del Messico dando lezioni di italiano, francese e spagnolo a messicani e stranieri che abitano in Messico, per scuole, imprese o privati. Vivo in una casa in collina, tranquilla e circondata da un bosco miracolosamente salvatosi dall’espansione cittadina. Sono sposato con una messicana e abbiamo due cani a cui parlo in dialetto. Amo mangiare, bere, viaggiare, leggere, scrivere, infatti da quasi 3 anni amministro un blog in cui scrivo ogni settimana descrivendo questo paese, https://messicando.wordpress.com/. Odio le attività adrenaliniche, guidare e non mi interessa lo sport in generale. Unica eccezione delle lunghissime camminate, di 5 o 6 ore in ambiente urbano o in campagna. Sono una persona timida ma quando do lezioni indosso una maschera spigliata e molto più divertente. Se avete bisogno di informazioni su questo paese o volete spettegolare un po’, scrivetemi pure!
Questa voce è stata pubblicata in Civiltà e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Lord e Lady del piffero

  1. Michele ha detto:

    Tutti potrebbero dire che gli incivili sono dappertutto, e sono d’accordo. Ma qui I’ll problema e’ questione non di civilta’ ma di diritti che qualcuno si auto assegna. Il problema e’ che possono farlo li. Hanno ragione, con I soldi si possono aprire tante porte, ma ‘LA legge’ e’ uguale per tutti’ o forse no?!

    In Italia abbiamo avuto un esempio ecclatante, ovvero berlusconi, tanto per citarne uno. Pero’ li e’ qualcosa ad alto livello, e li’ si puo’ capire, come sia possibile….in un certo senso.

    Li in Messico, persone decisamente LA media possano farlo.

    Diciamo che questo e’ un esempio di come una cosa negativa, ovvero LA disuguaglianza, provoca un’altra questione.

    Insomma una cosa a catena.

    Mi piace

  2. Pingback: Neologismi urbani: Don Verg@s | Estoy Messicando!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...