Discutere di cliché con due italiani in visita

  Queste settimane, vari tecnici e ingegneri dell’impresa di mia moglie si sono ritrovati qui a Città del Messico. Avendo il fine settimana libero, hanno organizzato dei giri in centro, per vedere un po’ la capitale, essendo che alcuni di loro erano alloggiato nella BELLISSIMA Toluca (ogni sembianza di sarcasmo è puramente certa). 

Avevano fatto una comitiva eterogenea: quattro messicani, tre statunitensi, due italiani. Appena finita la lezione che avevo, li ho raggiunti in centro, nel bellissimo ristorante Cafe de Tacuba, che consiglio a tutti i lettori. 

Ho avuto quindi l’occasione di conoscere bene i due ingegneri, Marco di Torino e Vincenzo di Napoli. Considerando che io sono veneto, facevamo uno splendido quadro regionale italico. 

Abbiamo approfittato dell’occasione per toccare vari temi culinari-culturali e smontare i classici cliché…o confermarli. Non eravamo tanto cinici in partenza.

– Il flan napolitano, dolce molto diffuso qui in Messico, non ha nulla a che fare con la città partenopea. Anzi, Vincenzo ha potuto assaggiarlo per la prima volta propio qui.

– Discorso simile per il gusto di gelato napolitano, con cioccolato, vaniglia e fragola. Mai visto prima in suolo italico.

– oggetto fondamentale dell’italiano in trasferta è la moka, la caffettiera. I due ingegneri, costretti in un impianto industriale per 11 ore al giorno, quando hanno saputo che l’unica macchinetta del caffè presente aveva un guasto, sono entrati in crisi isterica. 

– il caffè espresso servito in Messico è, a detta di Vincenzo, “na sh-chifezza”

– sorpresa allo scoprire che molti studenti cercano di parlare con accento “italiano”, in realtà un tomo pseudo-napoletano, causato dai cliché usati nei film di Hollywood (e nei Simpson)

– il centro storico è tutto storto e fa loro un effetto strano, ma in ogni caso degno di svariate foto. Dopo avermi chiesto se c’è qualche pericolo di crollo, ci ricordiamo della Torre di Pisa e ci mettiamo a ridere.

– l’ingegnere Marco cercava chapulines, cavallette. Tristemente, non ha ancora potuto provarle. Questo ha dato inizio a una discussione sulle norme a volte ridicolmente rigide in suolo europeo. Per dirne una, la Expo di Milano non ha potuto esporre molto cibo perché gli alimenti “sospetti” sono stati bloccati alla dogana. 

– sapendo che la piazza centrale si chiama Zocalo, si sono messi a ridere e mi hanno chiesto se qui sanno cosa significhi zoccola in italiano (per i messicani: zoccola è sinonimo di Troia, che è sinonimo di corpivendola)

– quando tre italiani che non sono snob si incontrano in suolo straniero, diventano presto fratelli d’Italia. Le regioni che ci dividono sono anche la base cultural-gastronomica che ci unisce. 

Alla fine è stata una bella esperienza e so che la prossima volta che passerò per Torino o Napoli avrò qualcuno da poter salutare. 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in La mia avventura e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...