Todos al Angel!

Alcune città hanno acquisito dei monumenti come simboli fortissimi per rappresentarle. Questo è stato fatto volontariamente, o non. La torre Eiffel? Parigi. Il Colosseo? Roma. Le piramidi? Il Cairo. Questo almeno per le più fortunate che sono riuscite a rendere internazionale e mondialmente conosciuto il loro feticcio. E Città del Messico? Ha l’Angel.Certo, soltanto i messicani riconoscerebbero l’Angel come simbolo della capitale. Al di fuori del Messico, questo monumento su colonna è praticamente sconosciuto (a differenza di Teotihuacan, simbolo universale della cultura messicana). Allora come ha fatto a diventare quasi sinonimo della capitale?

  
Effettivamente, la città presenta vari edifici o strutture di dimensioni o importanza monumentale. Il zocalo, la cattedrale, la basilica della Guadalupe, El Templo Mayor, la Torre Latino, il castello di Chapultepec…perché proprio l’Angel?
L’Angel è estremamente originale e artisticamente incomparabile? Más o menos. La statua posta in cima della colonna dell’indipendenza è opera di un italiano, ma è chiaramente ispirata dalla colonna parigina chiamata dell’Angelo della libertà, in piazza della Bastiglia. (Foto da http://tamfrut2.blogspot.mx/2012/02/el-angel-de-la-ciudad-de-mexico-tambien.html)
  Certo, la colonna è molto alta e la sua posizione è particolarmente strategica. Voluto e costruito sotto il porfiriato, per celebrare il primo secolo dall’Indipenza, la colonna si trova lungo Reforma, gli Champs élises messicani, che potete piacevolmente percorrere a piedi o in bici la domenica. Realizzato anche con il contributo di un italiano, questo monumento è caduto in seguito a un terremoto degli anni 50 per poi essere rifatto e riposizionato in maniera più resistente. 
Io credo che la sua centralità e importanza sia prima di tutto psicologica. È un punto focale per gli abitanti della capitale, un luogo dove festeggiare. Questo vale soprattutto (o solo?) per gli eventi sportivi. Vittorie della nazionale di calcio, di atleti messicani, di alcune squadre della capitale (come Pumas) portano spesso al “Todos al angel!” per celebrare. Nella foto, celebrazione della vittoria sulla Croazia.

  
La settimana scorsa, però, è successo qualcosa di strano. C’è stata la cerimonia degli Oscar. Se uno volesse provare un po’ di nazionalismo messicano, poteva avere qualche elemento da cui partire, considerando che ben due messicani, il regista Iñarritu e il “chivo” Lubezki hanno visto degli Oscar. Bisognerebbe aggiungere che nessuno dei due ha minimamente nominato il Messico, né condiviso il successo col loro paese natale. L’oscar è stato un premio personale, per essere dei professionisti internazionali. Ma tant’è, se si voleva cercare un motivo per uscire in piazza, uno se ne trovava facilmente. La cosa strana è che alcune persone sono andate all’Angel per festeggiare…l’oscar di Dicaprio.  

 Quando l’ho letto credevo fosse una notizia de El Deforma, il Lercio messicano, invece era vero. Molte persone hanno commentato in Facebook che stavano sentendo pena ajena, cioè pena per qualcosa fatta da un’altra persona, in questo caso i festeggianti. Ho chiesto l’opinione dei miei studenti e alcuni hanno criticato fortemente questa stupidaggine di entusiasmo. Altri mi hanno fatto capire che aver voglia di festeggiare, anche per cose “non giustificabili”, non è assolutamente criticabile, ed è sempre molto meglio avere una folla festosa piuttosto che un’orda di vandali. Concordo. 

Annunci

Informazioni su merkaura

Sono un ragazzo dell’85 della campagna vicentina che la vita ha catapultato in una metropoli antropofaga. Ho una laurea in Storia e una laurea Magistrale in Scienze delle Religioni. Mi guadagno da vivere a Città del Messico dando lezioni di italiano, francese e spagnolo a messicani e stranieri che abitano in Messico, per scuole, imprese o privati. Vivo in una casa in collina, tranquilla e circondata da un bosco miracolosamente salvatosi dall’espansione cittadina. Sono sposato con una messicana e abbiamo due cani a cui parlo in dialetto. Amo mangiare, bere, viaggiare, leggere, scrivere, infatti da quasi 3 anni amministro un blog in cui scrivo ogni settimana descrivendo questo paese, https://messicando.wordpress.com/. Odio le attività adrenaliniche, guidare e non mi interessa lo sport in generale. Unica eccezione delle lunghissime camminate, di 5 o 6 ore in ambiente urbano o in campagna. Sono una persona timida ma quando do lezioni indosso una maschera spigliata e molto più divertente. Se avete bisogno di informazioni su questo paese o volete spettegolare un po’, scrivetemi pure!
Questa voce è stata pubblicata in Luoghi unici e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...