Mi casa tu casa

  Dedico questo articolo ad un’altra delle espressioni messicane che più mi han dato equivoci e mal di testa, tu casa-mi casa. 

Una volta, quando stavo fuori da una scuola dove lavoravo, aspettando che aprisse, stavo chiacchierando con un collega che mi raccontava delle peripezie che ha dovuto fare per tornare a casa il giorno prima, che una zona della città era rimasta allagata. 
“Bè, quando sono sceso dal bus ho dovuto attraversare 600 metri di strade allagate, e quando finalmente sono arrivato vicino a tu casa, avevo l’acqua fino alla cintura”
Mente diceva “tu casa”, con una mano aperta e disponibile mi ha indicato. Lì per lì ho pensato che mi stava dicendo che viveva nella zona vicino alla mia. Qualche giorno dopo ho però scoperto che viveva nel nord, ed io nel sud ovest. Il mistero si infittiva. 

Altro tassello al pesante dilemma mi è stato aggiunto qualche mese dopo, sempre parlando con una collega. “No, donde vivo yo, en mi casa…tu casa…” E un’altra volta il gesto della manina. A quel punto ho fatto due più due. Messa da parte la timidezza, ho chiesto se, dicendo mi casa, intendeva casa sua, al che mi risponde confermandomi la deduzione. Risolto il dubbio! E per evitare ulteriori equivoci, spiego questa annosa questione ai non-messicani che stanno per arrivare in questa terra strana. Aprite le orecchie.

I messicani sono persone socievoli, accoglienti e altruiste (generalmente!). In molte situazioni si offrono per farti sentire a tuo agio. Questa disponibilità pratica ha avuto anche un curioso risvolto linguistico. Quando stanno parlando, ed intendono nominare casa propria, possono dire tu casa. Questo perché stanno riassumendo il concetto: casa mia è casa tua. Saltano direttamente alla conclusione, con frasi tipo: “es la avenida que está cerca de tu casa”. 
Come fare per interpretare? Come sempre, il contesto è tutto. Se non siete vicini di casa o se questo messicano non può sapere dove voi vivete, si sta riferendo alla casa propria. In quel caso, si deve dire Gracias, ringraziando per la disponibilità sottesa alla frase. 

Incredibile no? A parte qualche dubbio, non mi è capitato nessun problema successivo alla cattiva interpretazione di questa frase. Molto peggio è andata a Gunter, sfortunato protagonista di questa pubblicità di una bibita celebre in Messico: 

 
(Immagine e video presi da internet)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Civiltà e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Mi casa tu casa

  1. SweetRoocks ha detto:

    Ay denis ! Hace tanto q no escucho esa expresión que puedo decir que ya casi se me había olvidado… :’)
    Como siempre, me haces reflexionar un montón 🙂

    Mi piace

  2. giuliacalli ha detto:

    hahaahah che ridere il video! non sapevo che fosse così esplicito il riferimento all’ospitalità anche quando si parla fra amici, che bella cosa, in fondo (equivoci a parte :D)

    Liked by 1 persona

  3. Pingback: Galateo alla messicana | Estoy Messicando!

  4. Pingback: Mi casa es tu casa - sai che puoi stare da me

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...