Al semaforo

Sabato pomeriggio. Sto tornando a casa dopo 5 ore di lezione in un’università, fa un caldo boia. Sono in un bus, si infila in una strada, una delle tante che sboccano verso Insurgentes, la Avenida (cioè corso, viale) più lungo d’America. Ho dimenticato le cuffie a casa, quindi niente musica, avevo cominciato a leggere un libro ma ho gli occhi stanchi, e presto smetto. Siamo in fila al semaforo, aspettando di sboccare in Insurgentes, e nonostante sia già fine di settimana la coda è lunga.

Rosso.

Una signora molto (ma molto) grassa si avvicina passando macchina per macchina, con un rebozo dove dorme un bambino. Il rebozo è un fazzoletto enorme che viene avvolto attorno al corpo e che serve per portarsi i bambini mentre si cammina. Un pensiero malvagio (di cui poi mi pento amaramente) mi attraversa la mente: “Se stai chiedendo l’elemosina, credo che il fatto di essere grassa non ti aiuti in quanto a credibilità”. Dal lato del semaforo procede una ragazzina di quattordici, quindici anni che sta vendendo marzapan de cacahuate, macchina per macchina pure lei. Sta mangiando qualcosa, e offre i dolcetti parlando con la bocca piena. Vedo che la maggior parte degli automobilisti fa cenno di no con la testa, una persona addirittura alza il finestrino e finge di non vederla. Lei si ferma comunque, parla al finestrino alzato, e dopo un attimo passa alla seguente macchina.

Verde. 

L’autobus avanza lentamente, la quindicenne si avvicina alla signora. Vedo la signora persignarse (fare un segno della croce), la maggior parte dei venditori ambulanti e dei mendicanti fanno cosí quando vendono o ricevono  qualcosa. La quindicenne bacia il bambino, forse il suo fratellino. Sono una famiglia. Pinche hipócrita imbecil che sono. Stanno solo cercando di guadagnarsi da vivere. Che? Devono essere magri e moribondi per aver diritto a farlo? In quel momento mi odio.

Rosso.

Si ricomincia a lavorare. Vedo arrivare da dietro un’altra figura professionale, un lavavetri. Ha in mano una bottiglia con acqua e sapone, ha un buco al tappo così la usa per spruzzare i vetri. Questa volta è il suo turno di avere fortuna, e in pochi momenti riesce a lavare un vetro, riceve l’obolo e quasi passa all’altra macchina.

Verde.

Il lavavetri si unisce ai tre personaggi che con tanta attenzione stavo spiando. Mette il braccio attorno alle spalle della signora e comincia a parlare alla quindicenne. Credo di avere di fronte l’intero quadretto familiare. L’autobus stavolta sta riuscendo a passare il semaforo, e la famiglia diventa sempre più piccola. Sta per cominciare un altro delle centinaia di turni di lavori di 90 secondi che costituiscono la loro giornata.

Fa un caldo boia.

Annunci

Informazioni su merkaura

Sono un ragazzo dell’85 della campagna vicentina che la vita ha catapultato in una metropoli antropofaga. Ho una laurea in Storia e una laurea Magistrale in Scienze delle Religioni. Mi guadagno da vivere a Città del Messico dando lezioni di italiano, francese e spagnolo a messicani e stranieri che abitano in Messico, per scuole, imprese o privati. Vivo in una casa in collina, tranquilla e circondata da un bosco miracolosamente salvatosi dall’espansione cittadina. Sono sposato con una messicana e abbiamo due cani a cui parlo in dialetto. Amo mangiare, bere, viaggiare, leggere, scrivere, infatti da quasi 3 anni amministro un blog in cui scrivo ogni settimana descrivendo questo paese, https://messicando.wordpress.com/. Odio le attività adrenaliniche, guidare e non mi interessa lo sport in generale. Unica eccezione delle lunghissime camminate, di 5 o 6 ore in ambiente urbano o in campagna. Sono una persona timida ma quando do lezioni indosso una maschera spigliata e molto più divertente. Se avete bisogno di informazioni su questo paese o volete spettegolare un po’, scrivetemi pure!
Questa voce è stata pubblicata in La mia avventura e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Al semaforo

  1. rita ha detto:

    Ti ammiro, riesci a trovare il lato migliore in tutto ciò che ti circonda!

    Liked by 3 people

  2. Andrea ha detto:

    Bellissimo racconto di una emblematica esperienza di vita!

    Liked by 2 people

  3. claintheclouds ha detto:

    Concordo con i communti precedenti… Soprattutto quello di una certa Rita 🙂 Nonostante la pressione di vivere in una città così frenetica, riesci a rallentare e a guardare alle microdinamiche che ti circondano con grande semplicità e purezza! Dovresti scrivere un libro, oltre al blog 😉

    Liked by 1 persona

  4. Moises Marquez ha detto:

    Tuti i venditori se persignent dopo a la prima volta che se vende per avere fortuna tuta la giornata.
    Grazie tante per gli articoli.

    Sent from my iPhone

    >

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...