“Nada más tengo tortillas…”, ho solo tortillas (!!)

AGGIORNAMENTO: grazie a Dario per avermi ricordato le tostadas!

Con questo articolo vi voglio parlare dei millemila usi della tortilla! Può infatti capitare che qualche tortilla resti secca perché magari mettendola in frigo ci siamo dimenticati di avvolgerle in una borsa di plastica, o appunto può capitare di CREDERE di avere solo qualche tortilla con cui combinare la cena…vi do quindi una breve lista di possibili trasformazioni di questo umile disco di mais.

N

Nella foto, potete vedere a sinistra delle “barchette di tortilla”

Prima di tutto, non esiste solo la tortilla “normale”. Esistono tortillas più piccole per carne al pastor, esistono le oblunghe per le quesadillas, quelle di dimensione media e spesse per i sopes(altro grande piatto della cucina messicana), quelle CICLOPICHE per fare gli huaraches, una parola purepecha che indica un tipo di sandali, una sorta di mega-sope, grande come un piede. Dicevo, eccovi alcune preparazioni.

SEMPLICE: Quando le tortillas sono ancora calde, appena prese dal tortillero, l’uomo che le fa, la maniera più semplice di mangiarle è metterci un po’ di sale e arrotolarle, tipo tubino, per placare la fame. Se siete del Nord Italia, uscirete con un’ovvietà tipo “Sa di polenta” DAVVVEEEROOO?? Strano, dato che la base è mais!

TACOS: Grazie al piffero! L’uso principale della tortilla è come guarnizione per qualcos’altro. Ci si può mettere ogni tipo di carne, o formaggio, o bestie rare (vedi chapulines), con le salse più o meno piccanti. Se chiedete ad un messicano, vi dirà che in un taco ci si può mettere di tutto. MENZOGNA!!! VILE ILLAZIONE!!! Quando ho provato a mettere dell’insalata in un taco di carne, mi han guardato come se avessi pisciato sul divano. Non si può mettere lattuga, e non si possono mettere salse “da panino” tipo ketchup (che qui chiamano Katsup) o maionese. Mio fratello ha fatto un taco di maionese e ha detto che è buono e non è ancora morto. Mio fratello ha pure fatto tacos di Nutella quindi merita comunque disprezzo.

TACOS DORADOS e FLAUTAS: Sono un sottoinsieme di tacos. Si fanno normalmente mettendo dentro alla tortilla della carne (io ho sempre visto di pollo), poi si arrotola la tortilla e si frigge. SN853747 Il risultato sono dei “flautini” che si mangiano con sopra insalata, panna, formaggio fresco e salsa. Sì, avete letto bene, questi tacos sono l’eccezione alla regola e accettano la lattuga (come i sopes). L’ortodossia della cucina messicana concede molte eresie.

TOTOPOS: Questo fantastico aperitivo si può fare dalle tortillas secche. In italia c’è un macello di confusione e vengono chiamate Nachos, Tacos, Tortillas, Tortilla chips…NO. Se sono dei pezzi di tortilla fritti, in genere di forma triangolare, si chiamano TOTOPOS. E sì, sanno di “crosta di polenta”, bravo. Per farlo, potete tagliare il tondo della tortilla, con 3 tagli avrete già 6 triangoli. O fate come noi, che siamo bestie e strappiamo la tortilla in maniera incivile e facciamo tegli aborti di totopos, che comunque son buoni lo stesso. Come si mangiano? O così, al naturale, o si mangiano con fagioli e formaggio, o “pociandoli” in una salsa.

NACHOS: piatto in cui si immergono i totopos in un particolare formaggio liquido giallo e si mettono pezzettini di chile jalapeño. Ottimo per le partite alla tv

CHILAQUILES: si prepara una salsa, verde o rossa, e vi si immergono i totopos, con formaggio fresco, panna, cipolla cruda spezzettata. Questa è una fantastica colazione. Sto sbavando, lo giuro.

ENCHILADAS: si prendono le tortilla, si riempiono di qualcosa, in genere carne, si arrotolano e le si cosparge di salsa e/o formaggio. Il risultato sono quasi dei “cannelloni di tortilla”. Le mie preferite sono le Enchiladas Suizas cioè svizzere, con 3 formaggi. MMMM, FORMAGGIOOO…

ENFRIJOLADAS: Piatto utilissimo per riciclare tortillas e quel poco purè di fagioli che è rimasto in frigo per 8 giorni e che, apparentemente, non ha ancora muffa, o che la poca muffa che ha la posso rimuovere senza che la veda mia moglie. IMG_0206 Come si fa? Si mette il purè di fagioli con un pò di acqua per farlo diventare un po’ più liquido, poi si mettono le tortillas aperte e le si rigira per “sporcarle bene” di fagioli. Prima di raccoglierle dalla padella, si piegano, in modo da ottenere un…sofficino. Si mettono quindi su un piatto 3 o più “sofficini” e li si cosparge di panna, salsa, formaggio fresco e cipolla cruda a pezzetti. 

TOSTADAS:  sono delle tortilla che vengono fritte, diventando croccanti. Sopra ci si mettono varie cose, poi crema, formaggio fresco spezzettato, salsa, insalata, a volte aguacate. Normalmente, al primo morso, tutto esplode a causa della fragilità della tostada e ti cade nel piatto. Tranquilli: il primo anno è normale, siete dei pivellini e vi troverete a raccogliere con una forchetta i resti umilianti della vostra sconfitta. Si mangiano con alcuni tipi di preparazioni tipo picadillo(un tipo di ragù), pata(carne di zampa di maiale, sinceramente non mi piace molto), tinga (pollo con una salsa chipotle e cipolla, buonissssimo), o vari tipi di carne e pesce o gamberetti…insomma ci sono decine di varianti. Uno splendido posto dove mangiarle è il mercato coperto di Coyoacan 🙂 

MMM, per ora credo sia tutto, ma se vi vengono in mente altri modi di usarle, ditemelo!

(foto da: https://conacyemestado.wordpress.com/category/comercio/tortilleria/)

Annunci

Informazioni su merkaura

Sono un ragazzo dell’85 della campagna vicentina che la vita ha catapultato in una metropoli antropofaga. Ho una laurea in Storia e una laurea Magistrale in Scienze delle Religioni. Mi guadagno da vivere a Città del Messico dando lezioni di italiano, francese e spagnolo a messicani e stranieri che abitano in Messico, per scuole, imprese o privati. Vivo in una casa in collina, tranquilla e circondata da un bosco miracolosamente salvatosi dall’espansione cittadina. Sono sposato con una messicana e abbiamo due cani a cui parlo in dialetto. Amo mangiare, bere, viaggiare, leggere, scrivere, infatti da quasi 3 anni amministro un blog in cui scrivo ogni settimana descrivendo questo paese, https://messicando.wordpress.com/. Odio le attività adrenaliniche, guidare e non mi interessa lo sport in generale. Unica eccezione delle lunghissime camminate, di 5 o 6 ore in ambiente urbano o in campagna. Sono una persona timida ma quando do lezioni indosso una maschera spigliata e molto più divertente. Se avete bisogno di informazioni su questo paese o volete spettegolare un po’, scrivetemi pure!
Questa voce è stata pubblicata in Cucina e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a “Nada más tengo tortillas…”, ho solo tortillas (!!)

  1. Darío ha detto:

    Creo que te olvidaste de las tostadas! Comunque dopo aver letto questo articolo… ucciderei per un piatto di chilaquiles rojos!!!

    Mi piace

  2. Pingback: Gioie del mais, elote, esquites, pozole | Messicando

  3. Pingback: Galateo alla messicana | Estoy Messicando!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...