“Noi” secondo “Loro”: ciò che i messicani pensano degli italiani

Una volta ho avuto uno scambio di battute molto interessante con uno studente 22enne:

-Profe, le gusta la moda?
-Mmm no.
-Le gustan los carros y los motores? (Le macchine e i motori)
-Sinceramente no.
-Y le gusta el futbol(il calcio)?
-Pues, me da lo mismo. (Mi è indifferente)
-Entonces usted no es italiano.

Ecco, credo che questo possa riassumere efficacemente ciò che si pensa degli italiani. Ci vedono come persone sempre alla moda, impeccabili nei vestiti (grazie alle marche D&G, Gucci, Prada, Valentino,…) amanti dei motori e delle auto di lusso (grazie a Ferrari, Alfa Romeo, Lamborghini, che i miei studenti insistono nel pronunciare Lamborgini, e che meriterebbero di essere straziati da quattro cavalli ogni volta che la pronunciano male), e super appassionati di calcio (le magliette dell’Italia degli Azzurri, del Milan, Juve e Inter sono molto vendute e apprezzate). Che dire, questo quadro potrebbe essere azzeccato per molti! Sfortunatamente io sono uno sciatto, che usa camicia e cravatta solo quando obbligato, come in classe, che se ne frega dello sport alla tv e che chiede consigli e info di macchine e motori alla propria moglie, lei sì ingegnera meccanica in una grande impresa automobilistica.
A parte i gusti, i messicani apprezzano tutti gli stranieri, e gli italiani non fanno eccezione. Quando sanno che stanno parlando con un italiano fanno un sorrisone e chiedono Davvero?? Soprattutto, ci vedono come esotici, quindi siamo il 30% più fighi che nel Belpaese. Nel caso mio, in Italia ero una patata qualsiasi, ora sono “il tipo esotico che parla con un accento affascinante e che è quasi biondo”. Come se fosse difficile: qui dicono güero, cioè biondo, a tutti quelli che hanno la pelle chiara e i capelli non neri. Quindi, non importa quanto tu speri di essere abbronzato, o quanto corvini siano i tuoi capelli: vieni in Messico e diventi güero.
Chiaramente il cibo italiano è famosissimo. Le pizzerie sono diffuse ovunque, anche se creano delle strane combinazioni che mai chiamereste italiane. Dopo anni di vita qui, so apprezzare anche la cucina ibrida, basta non pensare che sia pizza, per esempio la pizza azteca, con fagioli, salsiccia, peperoncino in fette, cipolla e ananas. BUONISSIMA!
C’è poi chi approfitta del “fascino italiano”. Una marca molto famosa qui, Aldo Conti, non esiste in Italia. Voi l’avevate mai sentita? Bè qua ha prezzi altissimi, sfruttando la supposta provenienza italica. In realtà, mi ha spiegato il vicino di casa che lavora nella compravendita di tessuti, la marca fu creata da una famiglia di ebrei messicani e hanno usato il nome italiano e le foto di modelli “italiani” (???) per vendere di più.
Un’altra catena, stavolta di cibo italiano è Italianni’s. No, le due enne sono veramente parte del nome. Loro vedono un sacco di parole italiane con lettere doppie, e quindi dicono “Meglio abbondare…” e mettono lettere doppie a cazzo, per far suonare la parola ancora più italiana. Altre perle di questo tipo sono Caminatta, un negozio di calzature, e Poltronne, un negozio di mobili da salotto. Vedendo anche che molte parole italiane finiscono con la i, tipo paparazzi, graffiti, confetti, mettono la i in tutto. Ecco quindi nascere aborti come Voglio un panini o Mi dia un piadini.
In ogni caso, l’idea che noi diamo è sempre positiva. Certo, conoscono la mafia, ma qui loro hanno i Narcos quindi almeno in quello sanno che non bisogna fare di tutta l’erba un fascio. Parola mia, venite in Messico e vi sentirete coccolati e accolti a braccia aperte.

IMG_0750

Annunci

Informazioni su merkaura

Sono un ragazzo dell’85 della campagna vicentina che la vita ha catapultato in una metropoli antropofaga. Ho una laurea in Storia e una laurea Magistrale in Scienze delle Religioni. Mi guadagno da vivere a Città del Messico dando lezioni di italiano, francese e spagnolo a messicani e stranieri che abitano in Messico, per scuole, imprese o privati. Vivo in una casa in collina, tranquilla e circondata da un bosco miracolosamente salvatosi dall’espansione cittadina. Sono sposato con una messicana e abbiamo due cani a cui parlo in dialetto. Amo mangiare, bere, viaggiare, leggere, scrivere, infatti da quasi 3 anni amministro un blog in cui scrivo ogni settimana descrivendo questo paese, https://messicando.wordpress.com/. Odio le attività adrenaliniche, guidare e non mi interessa lo sport in generale. Unica eccezione delle lunghissime camminate, di 5 o 6 ore in ambiente urbano o in campagna. Sono una persona timida ma quando do lezioni indosso una maschera spigliata e molto più divertente. Se avete bisogno di informazioni su questo paese o volete spettegolare un po’, scrivetemi pure!
Questa voce è stata pubblicata in Civiltà e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Noi” secondo “Loro”: ciò che i messicani pensano degli italiani

  1. Pingback: Il prezzo del güero | Estoy Messicando!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...